Laziolink

Ultimissime


Feed del sito ANSA

News di Topnews - ANSA.it
Updated every day - FOR PERSONAL USE ONLY

Rassegna.it

TLC-17-09-2012 (5).jpg
Home Settori e Documenti TELECOMUNICAZIONI Telecom TELECOM-Comunicato su incontro del 6 (3-17)
Messaggio
  • EU Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookie, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e autenticazione.

    Vedi Privacy Policy



TELECOM-Comunicato su incontro del 6 (3-17)

Cambia la grandezza dei caratteri:

INCONTRO SINDACALE TERRITORIALE 06/03

SCARICAScarica il comunicato

  In data lunedì 6 marzo si è tenuto un incontro sindacale territoriale tra TIM, le RSU Lazio e Staff centro (Lazio), e le segreterie Lazio di Slc-CGIL FISTel-CISL UILCOM-UIL UGL Telecomunicazioni.

  

  Progetto Organizzativo segreteria e Punti delega
Finora abbiamo avuto lavoratori dedicati esclusivamente all’attività di segreteria, ed una quantità considerevole di lavoratori che svolgono attività di Punto delega (servizi amministrativi del personale) con vari percentuali d’impiego. Per un totale di 620 persone, di cui ca. 80 comandati ad attività di segreteria – il resto o solo Punto delega, o segreteria + Punto delega.

  In prima battuta, l’Azienda ha inteso riorganizzare le funzioni segretariali (supporto alla dirigenza), affidandole ad un numero di persone inferiori e solo ad alcune funzioni dirigenziali, riducendo drasticamente il numero delle segretarie, senza attività di Punto delega.

  Quindi, si è verificato che tra tutti i lavoratori impiegati in Punti delega, l’attività era per ca. il 50% del tempo di lavoro, pari a ca. 230 fte. Con personale distribuito in tante sedi, dedicato prevalentemente ad una popolazione aziendale georeferenziata ma anche perimetrata funzionalmente.

  Ad oggi, ogni lavoratore autonomamente svolge le imputazioni a sistema di quasi tutti gli istituti di assenza; AHRS interviene accedendo al cedolino, con funzioni indicate dai gestori HR o di HRS; il Punto delega fa inserimenti, verifiche e controlli anche per conto del dipendente. Quanto agli AST o AOT, trattasi di figure intermedie per soli tecnici on field, perché gran parte delle attività del tecnico sono gestite dal WFM che poi le scarica in SAP ed in tal modo si evitano errori all’interno del sistema paghe.

  L’Azienda intende: digitalizzare e semplificare i processi, spingendo in modalità self tutta una serie di inserimenti che non richiedono autorizzazioni, verifiche e controlli particolari; razionalizzare ed accentrare le attività, venendo meno la necessità della georeferenzialità dei dipendenti. Ne consegue una unicità del processo, a partire da un unico punto di accesso al servizio di Punto delega, che dovrebbe risolversi anche in una unicità di informazioni e gestioni.

  Il personale interessato verrà spostato in HRS ad aprile dopo la chiusura amministrativa di marzo 2017, attraverso lo strumento della cessione individuale di contratto (ivi compreso la clausola di salvaguardia, sulla cui formulazione è scesa un’incomprensibile coltre di mistero), e concentramento nelle città di Roma e Milano.

  Specificamente la realtà di Roma, si prevedono ca. 75 lavoratori dedicati ai Punti delega (sui ca. 120 complessivi), provenienti da quelli che più tempo hanno dedicato all’attività (cui si garantisce, quindi, continuità professionale), da collocarsi nella sede di via Cina – chi non accetta e chi non rientrerà nel progetto, sarà comandato al Job center (ca. 80 lavoratori).

  L’attività di contatto col dipendente sarà telefonica, cui affiancare gestione back office (di gran lunga maggioritaria) di inserimento, gestione cedolino…

  La formazione si svilupperà in 3 momenti: aula per 3gg, formazione on line, training on the job di 2 settimane.

  Va da sé che sarà applicata la normativa vigente in HRS, a partire da un orario di lavoro settimanale di 40 ore – è noto che lì non vige alcun ammortizzatore sociale.

  La delegazione sindacale ha espresso perplessità relativamente all’ossessione per la quantificazione e la temporizzazione delle attività in tema, che si teme possano indurre a livellare all’osso l’organico dedicato.

  Soprattutto, l’ideale sarebbe stato far rientrare tutta HRS nel perimetro aziendale di TIM attraverso un percorso di fusione per incorporazione.

  Inoltre, manca una illustrazione d’insieme del progetto di riorganizzazione della gestione del personale che sappiamo comprende anche la compilazione e lavorazione delle buste paga – lacuna informativa che va sanata al più presto a livello di Coordinamento nazionale RSU.

  Sperimentazione Reception
Il progetto è sospeso. L’Azienda si è impegnata a dare informativa tempestiva se e quando ripartirà.

  Varie ed eventuali
Un passaggio sugli istituti novellati a seguito della disdetta del contratto aziendale: per il solo anno in corso (2017) le ferie saranno 22 giorni ed i permessi individuali 2 ore.


Roma, 24 marzo 2017

Segreteria Slc-CGIL Roma e Lazio
RSU Telecom Italia u.p. Lazio e Staff Centro (Lazio) liste Slc-CGIL