Laziolink

Ultimissime


Feed del sito ANSA

News di Topnews - ANSA.it
Updated every day - FOR PERSONAL USE ONLY

Rassegna.it

TLC-17-09-2012 (5).jpg
Home Settori e Documenti TELECOMUNICAZIONI Tim TIM Comunicato Welfare (8-17)
Messaggio
  • EU Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookie, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e autenticazione.

    Vedi Privacy Policy



TIM Comunicato Welfare (8-17)

Cambia la grandezza dei caratteri:

TIM
QUALE WELFARE AZIENDALE?

SCARICAScarica il comunicato

    È notizia di questi giorni che l’asilo nido in convenzione nei pressi della sede di via Assisi che da anni garantisce il servizio ha perso l’appalto, a favore di una struttura ben più distante della prima (ca. 10km, contro i ca. 4km di prima, in una città caotica come Roma).

    Ora: dal 28 giugno fino al 17 luglio è stato possibile inserire le richieste di iscrizione per l’anno scolastico 2017/18. Ed a quella data nulla lasciava intendere che l’asilo sarebbe cambiato – quindi i lavoratori interessati hanno scelto in base alle notizie in loro possesso.

    Salvo l’Azienda cambiare la carte in tavola, troppo tardi ad es. perché i lavoratori potessero rivolgersi agli asili nido pubblici.

   Siamo alle arcinote inefficienze dell’organizzazione del lavoro: una gara di appalto così bandita non poteva non ingenerare criticità e disagi – infatti, si registrano molte rinunce, ed una corsa affannosa a soluzioni alternative.

Ancora una volta, i lavoratori (ed i loro figli in tenera età) sono vittime di procedure di aggiudicazione quantomeno approssimative. Il welfare è sempre stato un fiore all'occhiello dell’Azienda, assai apprezzato dai propri dipendenti, e rincresce vedere che in nome del risparmio economico (peraltro, di modesta entità) si sia scelto di affidarsi ad altri invece di provare ad apprezzare altri valori, a partire dalla continuità pedagogica.

    O forse bisogna ritenere che l'intento sia quello di rendere il più disagevole possibile la scelta dell'asilo in modo da ridurre al minimo i contributi da parte di TIM?

    Chiediamo che l’Azienda corra ai ripari in fretta, proponendo soluzioni che traducano in fatti le belle parole spese da TIM per le politiche di conciliazione dei tempi di cura con quelli di lavoro.

    Cogliamo infine l'occasione per chiedere a TIM di rivedere la sua fuoriuscita dal CRALT: solo un dopolavoro che veda la partecipazione anche delle Organizzazioni sindacali dà certezze di reale fruizione delle proposte, mentre il welfare aziendale (malgrado le ingenti risorse riservategli) sta dando sempre più segnali preoccupanti di disorganizzazione ed improvvisazione.

 

Segreteria Slc-CGIL Roma e Lazio
RSU TIM u.p. Lazio e Staff Centro (Lazio) liste SLC-CGIL

Roma, 10 agosto 2017